Yorke, io regista? Non posso, musica mi ossessiona

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – Un legame tra musica, in forme sempre
nuove e immagine è da sempre al centro del lavoro di Thom Yorke,
il leader dei Radiohead, che ha da poco debuttato anche come
compositore di colonne sonore firmando le musiche di Suspiria di
Luca Guadagnino. Capitoli artistici di cui ha parlato
nell’ultimo Incontro ravvicinato della 15/edizione della Festa
del Cinema di Roma. Oltre un ora e mezza di conversazione con
Antonio Monda e Francesco Zippel, centrato sulle colonne sonore,
attraverso clip di film e video scelte dal rocker, da Incontri
ravvicinati del terzo tipo a 2001 Odissea nello spazio, da Oltre
il giardino alla serie sequel di Twin Peaks firmata da David
Lynch (“Nessuno può essere libero come lui”).
    Nonostante il suo amore per il cinema Yorke dice no a un suo
possibile debutto come regista: “La verità è che se avessi una
vita parallela a questa, con tempo e spazi a disposizione, lo
farei, ma non è possibile, sono ossessionato da quello che
cerco di realizzare musicalmente”. Poi “una cosa è lavorare in
studio, con i tuoi amici, un’altra è fare quello che fa ad
esempio un regista come Paul (Thomas Anderson, che ha diretto
Anima, il corto legato all’uscita dell’omonimo album da solista
di Yorke del 2019). Avere a che fare con un immenso cast tecnico
e artistico, senza mai perdere la calma, improvvisando… non
sarei mai capace di farlo” spiega il rocker, sereno e rilassato
capace di regalare anche qualche commento e battuta in italiano
(è sposato all’attrice italiana Dajana Roncione presente in
sala, ndr) . La clip di Taxi Driver (rivisto da poco insieme
alla figlia 16enne) , con la colonna sonora di Bernard Herrmann,
porta il musicista ad accennare al suo nuovo progetto musicale: “Proprio ora sto cercando di realizzare qualcosa di molto simile
a questa musica anni ’70, con accordi semplici ma capaci di
avere un impatto straordinario”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte