Vuelta: Roglic con le mani sulla corsa, Carapaz resta a 24″

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 07 NOV – Primoz Roglic ipoteca il secondo
successo consecutivo nella Vuelta di Spagna dopo avere resistito
all’assalto finale dell’ecuadoriano Richard Carapaz. Lo sloveno,
sull’ultima salita odierna, ha pagato solo 12″ al rivale
sudamericano, che in classifica generale a sua volta ora accusa
un ritardo dalla vetta di 24″.
    A Madrid, dunque, sarà lo sloveno a presentarsi per il
secondo anno consecutivo sulla vetta della spagnola, giunta alla
75/a edizione, che quest’anno è stata ridotta da 21 a 18 tappe.
    Lo sloveno ha così l’occasione di riscattare, sia pure in parte,
l’enorme delusione per aver ceduto al connazionale Tadej Pogacar
il Tour de France proprio al penultimo giorno e dopo avere
indossato a lungo la maglia gialla. Assieme ai due contendenti
salirà sul podio di Madrid, sul gradino più basso, il britannico
Hugh Carthy, a 47″ dalla leadership.
    La frazione odierna, da Sequeros all’Alto de La Covatilla,
lunga 178,2 chilometri e con arrivo in quota a 1.960 metri sul
livello del mare, è stata vinta da David Gaudu, al secondo
successo in questa edizione della corsa, con il tempo di
4h54’32”. Il francese, dopo una lunga fuga, ha preceduto lo
svizzero Gino Maeder, secondo a 28″, e lo spagnolo Ion
Iszagirre, terzo a 1’05”. Carapaz si è piazzato all’ottavo
posto, a 2’35” dal vincitore; Roglic al decimo, con un ritardo
di 2’56”.
    Domani è in programma la 18/a e ultima tappa, da Hipodromo de
la Zarzuela a Madrid, lunga 139,5 chilometri. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte