Vivere, nuovo numero di Vanity Fair diretto da Cremonini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – ROMA, 17 NOV – Cesare Cremonini, direttore del
numero speciale di Vanity Fair in edicola da mercoledì 18
novembre, celebra la vita attraverso un numero d’eccezione
dedicato a tutte le declinazioni della parola “Vivere”. Per
farlo ha scelto di coinvolgere i protagonisti dell’eccellenza
italiana nel campo dell’attualità, della moda, dello sport e
dell’arte.
    Nel numero troveremo nomi capaci di superare le sfide del
tempo: Vasco Rossi, Roberto Baggio, Francesco Guccini. Donne che
rappresentano un modello femminile di eleganza senza tempo:
Roberta Armani. Dalle storie più toccanti (i lavoratori dello
spettacolo e le riflessioni poetiche del dott. Gabriele
Bronzetti) alla testimonianza esemplare di una donna
straordinaria come Fiammetta Borsellino. Tutti insieme con
l’intento di rivelare attraverso interviste inedite i lati umani
e più profondi della loro esperienza di vita, fatta di coraggio,
talento e determinazione. Un numero che celebra, insomma, «la
capacità, la volontà, la caparbietà di vivere. Sempre, ad ogni
costo e comunque vada», come spiega il direttore di Vanity Fair
Simone Marchetti.
    Apre il numero un estratto del nuovo libro del cantautore
bolognese, Let Them Talk, in uscita il 1° dicembre, in cui
Cremonini racconta che cosa c’è dietro e dentro una canzone, e
perché ogni brano è una storia collettiva, personale e artistica
insieme.
    In copertina danza a Central Park, Misty Copeland, la prima
donna afroamericana a ricoprire il ruolo di prima ballerina
dell’American Ballet Theatre, fotografata da Francesco
Carrozzini. A Vanity Fair racconta della sua infanzia difficile,
dell’approccio tardivo alla danza – grande amore della sua vita
– e dell’importanza di inseguire sempre i propri sogni. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte