Veneto, stop chirurgia programmata che preveda intensiva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – VENEZIA, 07 NOV – Il Veneto, con una circolare della
Regione, ha disposto da ieri sera in tutte le strutture
sanitarie pubbliche e private accreditate “la sospensione di
ogni attività chirurgica programmata che preveda il ricorso in
terapia intensiva post-operatoria”, fatta eccezione per le
emergenze-urgenze, come gli interventi per incidenti, ictus e
infarti. Questo – ha spiegato l’assessore alla sanità, Manuela
Lanzarin – per non occupare, con attività ‘programmate’, posti
nelle terapie intensive. Il Veneto infatti, ha aggiunto,
potrebbe entrare fra pochi giorni nella ‘fase 4’ – ora è alla 3
– del piano di sanità pubblica per il Covid. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte