Susanna Tamaro, mi mostro come sono, non ho maschere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

E’ un viaggio di scoperte e conoscenza nella personalità complessa di una delle scrittrici italiane di oggi più lette e discusse, Susanna Tamaro, quello di ‘Inedita’, il documentario di Katia Bernardi, prodotto e distribuito da GA&A che debutta alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Riflessi. L’autrice di Va dove ti porta il cuore e Anima mundi affronta pregiudizi e preconcetti su di se’ aprendo le porte sulla propria vita e un passato ricco di traumi iniziata nell’infanzia. “Io avrei il carattere di Gianni Morandi – spiega sorridendo la scrittrice in conferenza stampa – ma la sindrome di Asperger, scoperta dopo una vita in cui i medici non mi avevano dato risposte, blocca la mia socialità. Mi sento sempre fuori posto”. Nel documentario, utilizzando anche un personale humour, l’autrice è candida e diretta nel parlare delle difficoltà della vita con la sindrome di Asperger (“chi ne soffre è terrorizzato dalle occasioni pubbliche per questo, ad esempio, risulto sempre così rigida in televisione”) o l’impatto con il successo mondiale di Va dove ti porta il cuore (15 milioni di copie vendute) e la valanga di critiche e attacchi che ne è scaturita, cresciute a dismisura dopo l’uscita di Anima mundi. “Ho avuto una campagna stampa di dieci anni feroce contro che ha creato un’opinione pessima di me in molti – aggiunge – e quando questo succede o reagisci e denunci o ti ritiri dalla vita pubblica come ho fatto io” pur continuando a scrivere. L’incontro con Katia “mi ha fatto capire che era giunto il momento di raccontarmi” per “permettere alle persone di conoscermi”. Nel documentario, spiega di voler mostrare “la persona che sono e che sono sempre stata perché se c’è una cosa che mi caratterizza è non avere nessuna maschera e nessuna difesa”. Vediamo così la scrittrice presa delle sue innumerevoli passioni come le arti marziali di cui è anche istruttrice (è cintura nera di Karate), le biciclette (che ama anche a riparare), gli animali, la montagna, la campagna, l’apicoltura e si dà grande spazio al legame della scrittrice con la collega Roberta Mazzoni, sceneggiatrice e giallista con cui Susanna Tamaro vive da oltre 30 anni. E’ “un’amica del cuore – commenta – che da milanese ha messo ordine nella mia vita”. Tra loro c’è un rapporto “di accudimento reciproco – dice a sua volta nel film Roberta Mazzoni -.Una bellissima avventura, un rapporto fuori dagli schemi ma pieno di amore”. Per Susanna Tamaro se non si fossero incontrate “sarei finita in Africa a aiutare i bambini o mi sarei ammazzata – ammette candidamente -. Roberta mi ha permesso avere una protezione al 100% grazie alla quale ho potuto scrivere”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte