‘Strappare lungo i bordi’, Zerocalcare e Giancane a Cervia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – RAVENNA, 22 GIU – Con ‘Strappare lungo i bordi’ il
graphic novelist Zerocalcare ha conquistato il pubblico delle
serie tv: una storia in cui la musica, curata da Giancane, è
colonna sonora delle trasformazioni e della rabbia del crescere.
    Il 23 giugno, alle 21.30 all’Arena dello Stadio dei Pini, il
terzo appuntamento de ‘Il Trebbo in musica’ a Cervia-Milano
Marittima vedrà Zerocalcare e Giancane intrecciare segno grafico
e suono nella produzione di Ravenna Festival e Woodworm.
    L’evento, sold-out, è possibile grazie al sostegno di Bper Banca
e sarà su ITsArt, solo in diretta streaming. Sempre giovedì,
alle 18 al Teatro Comunale di Cervia, Zerocalcare e Giancane
conversano con Pierfrancesco Pacoda nell’appuntamento
organizzato dalla Biblioteca Comunale “Maria Goia” in
collaborazione con il Festival. Ingresso libero fino a
esaurimento posti disponibili.
    “È uno di quegli incontri inevitabili, casuali, ma che fanno
parte di percorsi di vita comune, di un immaginario culturale
condiviso – racconta Giancane del sodalizio artistico con
Michele Rech, in arte Zerocalcare – E siamo entrambe persone che
non si limitano a intrattenere. Una vera performance, per me, è
basata su un rapporto stretto, su un flusso continuo. Sul palco
parlo tantissimo, dialogo, entro nell’anima delle canzoni e di
quello che significano per me e che vorrei significassero per il
pubblico. Vorrei che ogni live fosse una esperienza la cui
riuscita dipende da quello che hai fatto insieme agli
spettatori”. Ad affiancare Giancane, voce e chitarra, ci sono
Alessio Lucchesi alla chitarra, Michele Amoruso al basso,
Guglielmo Nodari alle tastiere e Claudio Gatta alla batteria. La serie ‘Strappare lungo i bordi’, prodotta da Netflix, è
una lunga sequenza di citazioni e di omaggi con cui Zerocalcare
ha ricostruito una sorta di catalogo della musica che più gli
appartiene. Un mosaico di copertine di dischi, locandine,
frammenti sonori che appartiene ai luoghi dove è cresciuto,
umanamente e artisticamente; centri sociali e spazi di
aggregazione dove ha incontrato per la prima volta musiche poi
divenute una costante colonna sonora delle sue strisce, una
mappa di ispirazioni e suggestioni da cui si sviluppano storie,
personaggi, desideri e paure. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte