Stadio – Mihajlovic andrà avanti con il suo 4-2-3-1

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Mihajlovic ha deciso e continuerà con il 4-2-3-1. Non farà rivoluzioni o stravolgimenti, ma attuerà qualche correzione al suo sistema di gioco.

Questo modulo consente di essere costruttivo e di fare molti gol, ma in fase difensiva si dimostra essere molto vulnerabile. Il Bologna è una squadra piena di giovani e quando si sceglie di costruire una rosa di ragazzi con poca esperienza, è normale aspettarsi errori. Un esempio può essere un gol subito in Bologna-Sassuolo. I 40 metri palla piedi fatti da Chiriches, nell’azione che porta al gol di Berardi, sarebbero stati possibile con in campo uno tra Poli e Medel? Probabilmente no e si sarebbero staccati dai propri riferimenti per andare ad arginare il centrale neroverde. Di letture sbagliate ce ne sono state tante altre. Inoltre il modulo utilizzato da Mihajlovic implica un notevole sforzo fisico ed è stato confermato anche da Soriano a fine gara. E così che Sinisa può apportare alcune correzioni, richiedendo un’aggressività meno continua e meno alta. Ciò consentirebbe al Bologna di avere maggiore densità in mezzo al campo, più equilibrio tra i reparti e più protezione per i difensori. Perchè i difensori rossoblù spesso sono rimasti troppo soli e non si meritano tutte le colpe per i tanti gol subiti.

Fonte: Stadio

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte