Spostamenti Comuni-Regioni, nel Dpcm «fortemente raccomandato» non muoversi: cosa significa?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La versione definitiva del Dpcm«raccomanda fortemente» di «non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi» (qui il testo definitivo del Dpcm). Rispetto all’ultima bozza, però, salta la specifica secondo cui era raccomandato di non spostarsi «dal Comune di residenza, domicilio o abitazione».

Il punto, nel corso delle riunioni di ieri (sabato 24 ottobre, ndr) era stato tra i più discussi anche perché nel Governo circolava l’ipotesi del divieto di spostamenti tra le Regioni. Divieto che, nel testo firmato da Conte, non viene introdotto.

E nella conferenza stampa di domenica 25 ottobre, Conte ha ribadito come nel Dpcm non sia stato introdotto il termine «coprifuoco», dato che «non è una parola che amiamo». Quello che si raccomanda — ha chiarito — «è di muoversi solo per motivi di lavoro, studio, salute e necessità oltre a non ricevere a casa persone che non siano del nucleo familiare», assicurando importanti misure economiche per chi sarà costretto a rallentare o sospendere le proprie attività. «L’Italia è un grande Paese — ha chiuso — ce la faremo anche adesso».

25 ottobre 2020 (modifica il 25 ottobre 2020 | 15:19)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte