Sport e salute, compie quindici anni il Centro regionale antidoping: più di 4.000 controlli a tutela degli atleti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Pista di atletica, sport, impianti sportiviQuindici anni di controlli, ricerca scientifica, informazione, formazione e sensibilizzazione per garantire uno sport più sano, sicuro e onesto: è dal novembre 2005 che in Emilia-Romagna opera il Centro regionale antidoping, un servizio dell’Ausl di Modena che fa riferimento alla struttura complessa di Medicina dello sport ed è stato istituto dalla Giunta regionale, appunto quindici anni fa, dopo che la normativa nazionale ha affidato alla Regioni il compito di promuovere in autonomia progetti contro il doping.

Il Centro non si occupa direttamente della ricerca di sostanze dopanti negli atleti, che spetta al Comitato olimpico nazionale, ma negli anni ha effettuato più di 4.000 controlli sullo stato di salute degli sportivi, una attività di sorveglianza medica che serve a valutare i parametri di funzionamento dell’organismo e quindi valutare eventuali fluttuazioni anomale: pratica che di fatto è alla base del passaporto biologico.

Le principali attività del Centro

Oltre all’attività di sorveglianza medica, da Piacenza a Rimini il Centro porta avanti progetti con le scuole, le associazioni sportive, le federazioni e gli enti di promozione sportiva, organizza momenti di sensibilizzazione e studio e collabora con le istituzioni, ad esempio con le Procure per le perizie sul materiale farmaceutico sequestrato nel corso delle operazioni delle forze dell’ordine che colpiscono il traffico di sostanze dopanti. In totale, sono più di 3.000 i soggetti legati al mondo dello sport, tra singoli atleti, associazioni e società sportive, con il cui Centro interagisce ogni anno. Tra le competenze, anche la vigilanza sull’attività delle palestre che promuovono salute, cioè quelle realtà che collaborano con le Aziende sanitarie in programmi per favorire l’esercizio fisico e stili di vita sani.

Il Centro infine è referente del progetto ‘Positivo alla Salute’, organizzato insieme dai settori Sport e Salute della Regione, e gestisce il sito internet (www.positivoallasalute.it) dove è possibile trovare tutte le informazioni e il materiale di divulgazione scientifica sulla lotta al doping.


Fonte originale: Leggi ora la fonte