Sport: Comitato 4.0, lavoriamo nell’interesse nostri club

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – ROMA, 18 NOV – “Lavoriamo nell’interesse dei nostri
club e abbiamo come riferimento l’interesse generale dello
sport. Il nostro compito è far emergere che tra l’élite del
calcio di Serie A e le società che ricevono 800 euro c’è una
realtà ampia di club di calcio, pallavolo, basket e di tante
altre discipline sportive”: lo dichiara il Comitato 4.0 formato
da Lega Pro, Lega basket Serie A, Lega pallavolo femminile, Lega
nazionale pallacanestro, Lega pallavolo maschile. “Esistono
migliaia di piccoli e grandi club che stanno nella faglia tra
professionismo e dilettanti, un reticolo che corre lungo tutta
la penisola italiana. Chiediamo misure di ristoro per realtà che
assicurano posti di lavoro diretti ed indiretti, hanno un
indotto molto ampio, versano un gettito fiscale significativo e
costituiscono un’ancora di salvezza per i ragazzi e le ragazze,
preservandoli dai pericoli della strada, droga e violenza”.
    “Tutti sappiamo – aggiunge il Comitato 4.0 – che non si potrà
fare alcun provvedimento legislativo che abbia come recinto la
Lega Pro, le leghe di pallavolo e pallacanestro. Con tatto ma
con determinazione svolgeremo il compito che ci hanno assegnato
i club: evitare il collasso a causa dei danni causati da
Covid-19. Le spese legate all’acquisto di tamponi e alle
sanificazioni aumentano, non possiamo più contare sugli incassi
da botteghino e gli sponsor faticano a pagare. Il DPCM ci
autorizza a giocare ma a costi e con restrizioni insostenibili
per chi vive di proprie risorse”.
    “Ci stiamo muovendo in una visione d’insieme, il presidente
della lega di calcio di Serie A, Dal Pino, ci ricorda
ripetutamente che ha scritto al governo per chiedere ristoro per
la Serie A. Noi lavoriamo a sistema, pensiamo al provvedimento
sul credito di imposta sulle sponsorizzazioni che non riguarda
solo i nostri club ma va a beneficio di tante discipline
sportive. In questa ottica torniamo a sollecitare l’emanazione
del decreto attuativo affinché il Ministero dell’Economia lo
finalizzi il prima possibile” conclude il Comitato 4.0. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte