Siria: Ong, liberati 1270 civili da campo Isis nell’est

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

   Circa mille trecento civili siriani, in larga parte donne e bambini, sono stati finora rimessi in libertà nell’ultimo mese dal famigerato campo profughi di al Hol, nella Siria nord-orientale e gestito dalle autorità curdo-siriane. Lo riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria.
    Il campo, costruito nel 1991 per ospitare al massimo 10mila persone, è abitato dalla fine del 2018 da più di 60mila civili, in larga parte sfollati provenienti da regioni fino al marzo 2019 controllate dall’Isis.
    Lo scorso 4 ottobre le autorità curdo-siriane avevano annunciato di esser pronte a liberare fino a 25mila civili siriani dal campo di al Hol, dove ci sono più di 30mila iracheni e circa 10mila di altre nazionalità.
    Sempre a ottobre, le stesse autorità curdo-siriane avevano annunciato una amnistia per migliaia di detenuti, membri di medio e basso rango dell’Isis, prigionieri nei penitenziari del nord e del nord-est della Siria. 


Fonte originale: Leggi ora la fonte