Repubblica-Focolaio alla Reggiana, ventisette positivi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Una squadra di calcio con ventisette contagiati dal Covid-19.

Capita a Reggio Emilia, nella Reggiana, squadra che dopo 21 anni ritornava in Serie B. Un vero è proprio fulmine a ciel sereno che ha costretto la Lega a rinviare il match contro il Cittadella. Sono 21 i calciatori colpiti e 6 membri dello staff, compreso il tecnico Alvini e il vice. Mercoledì, tramite una nota ufficiale, il club renderà note le modalità di prosecuzione dell’attività sportiva.  Il caso è esploso otto giorni fa dopo la sconfitta interna contro il Chievo. Dal primo giro di tamponi erano risultati positivi in sei (tre calciatori e tre membri dello staff). Nonostante la squadra abbia seguito alcune misure di prevenzione, come ad esempio il distanziamento sul pullman, è probabile che li qualcosa sia successo e che il contagio abbia preso piede fino ad arrivare al bollettino attuale che racconta di 27 persone contagiate. Il regolamento prevede che per poter scendere in campo bisogni avere almeno 13 calciatori sani e che durante la stagione sia possibile un solo rinvio. Nonostante ciò la trasferta Campana di sabato contro la Salernitana è a forte rischio. La squadra è ferma da giovedì con a disposizione solo sette calciatori. Le ipotesi sono quelle di aspettare qualche giocatore che nel frattempo dopo i nuovi tamponi risulterà negativo, oppure inserire qualche giocatore della primavera, anche se non è detto che si riuscirà a raggiungere quota 13 .

Fonte-Repubblica

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte