Raid vandalico danneggia microarea nomadi a Bologna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – BOLOGNA, 06 NOV – Un raid vandalico, avvenuto nei
giorni scorsi e scoperto ieri, ha danneggiato seriamente una
microarea in via Selva Pescarola, a Bologna, destinata ad
accogliere 15 nomadi sinti provenienti dallo ‘storico’
accampamento di via Erbosa, che è in via di smantellamento. A
denunciare l’episodio è il presidente del quartiere Navile
Daniele Ara, che parla di un ‘fatto molto grave che ha causato
danni per 70.000 euro alle casse pubbliche’.
    I vandali sono entrati tagliando la recinzione, hanno
bruciato i bagni e divelto tubi e parte dell’impianto elettrico.
    Secondo Ara, il danneggiamento rallenta un progetto, fatto in
collaborazione con la Regione Emilia-Romagna che lo finanzia in
gran parte, che prevede il superamento del campo di via Erbosa
con la creazione di piccole aree come questa, dove si prevedeva
di trasferire 15 persone per la fine dell’anno. “Mi auguro sia
fatta un’indagine seria -ha detto ancora Ara- e se qualcuno ha
visto spero che collabori” . (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte