Ragazza investita: l’automobilista resta ai domiciliari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – BOLOGNA, 16 NOV – Il Gip del Tribunale di Bologna,
Letizio Magliaro, ha convalidato gli arresti domiciliari per
Davide Melillo, il 45enne che la sera del 12 novembre ha
investito e ucciso a Castenaso, nel Bolognese, la 19enne Irene
Boruzzi. Melillo, subito dopo l’incidente, è stato trovato con
tasso alcolemico nel sangue oltre quattro volte il limite
consentito (2,18 grammi per litro). La misura degli arresti
domiciliari, chiesti dal pm Giampiero Nascimbeni, che si occupa
del caso, è stata condivisa anche dal legale del 45enne,
Giovanni Voltarella. “Il mio assistito ha fatto delle dichiarazione spontanee – ha
spiegato Voltarella – è distrutto e mortificato per aver tolto
la vita ad una ragazza così giovane. Davanti al giudice ha
chiesto scusa alla famiglia della 19enne e ha riconosciuto di
aver sbagliato a mettersi alla guida in quelle condizioni”.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte