Pubblico negli stadi: sì a 1.000 spettatori dal primo maggio nelle regioni «gialle»

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Da maggio tornerà il pubblico negli stadi, anche se in numero limitato. Dal primo maggio nelle regioni «gialle» sarà consentita la presenza di pubblico negli impianti sportivi, per gli eventi di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Coni o del Cip, per il 25% della capienza degli impianti, con un massimo di 500 persone al chiuso e di 1000 persone all’aperto. Il Dipartimento per lo Sport starebbe redigendo le norme che saranno al vaglio del Consiglio dei Ministri che si riunirà giovedì e che esiterà l’apposito Decreto.

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha specificato che, però, non è ancora una decisione ufficiale presa dal governo, e che al momento vi è certezza solo per gli Europei e ottimismo per la finale di Coppa Italia (Atalanta-Juventus, il 19 maggio a San Siro). «Se ci saranno le condizioni saremo tutti ben contenti di poterlo fare, ma a oggi una posizione certa non c’è ancora – ha spiegato Costa ai microfoni di Sky – Stavamo ragionando eventualmente sull’ultima partita dicampionato o sulle ultime due (16 e 23 maggio, ndr), però la riflessione è ancora aperta. Cio che è certo è che gli Europei si giocheranno in Italia con il pubblico, e sono ottimista anche sulla finale di Coppa Italia».


Prima, già dal 26 aprile e sempre nelle regioni `gialle´, verrà consentita la pratica dell’attività sportiva all’aperto, sia sport da contatto che non: via libera a calcetto, beach volley o basket.

16 aprile 2021 (modifica il 16 aprile 2021 | 20:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte