Proteste contro il lockdown a Napoli, il questore: comportamenti criminali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

«Questa sera abbiamo assistito a veri e propri comportamenti criminali verso le forze dell’ordine. Nessuna condizione di disagio, per quanto umanamente comprensibile, può in alcun modo giustificare la violenza». Così il questore di Napoli Alessandro Giuliano ha commentato gli episodi avvenuti a Napoli nella serata del 23 ottobre, quando centinaia di persone sono scese in piazza per protestare contro il coprifuoco e contro l’annuncio del governatore De Luca della richiesta di un nuovo lockdown per contenere la diffusione dell’epidemia di coronavirus.

Il commento di Crimi (M5S)

«Quello che sta avvenendo in Campania non è accettabile. Comprendo l’esasperazione e i timori di tanti cittadini per la difficile situazione che stiamo vivendo, ma non posso credere che siano i commercianti gli autori di quella folle guerriglia urbana alla quale stiamo assistendo, quanto più persone che vogliono creare disordini»: è il commento postato su Facebook da Vito Crimi, capo politico del Movimento 5 Stelle. «Occorre mantenere la calma, evitare lo scontro, stare al fianco di chi sta soffrendo per il momento che stiamo attraversando. Rivolgo anche un appello al governatore De Luca, affinché si rivolga ai cittadini campani con maggiore spirito distensivo e minore aggressività. Non è giusto esasperare ulteriormente un popolo già fortemente provato da questa dura esperienza. Adesso è necessaria la massima serietà e collaborazione fra istituzioni. Servono sicuramente misure forti di contrasto al diffondersi del virus, ma devono essere equilibrate e ponderate. Credo poi che le Regioni debbano oggi preoccuparsi di gestire al meglio il sistema sanitario a loro affidato, che in molti casi sta dimostrando deficit mai sanati. Esprimo infine massima solidarietà alle forze di polizia, che stanno cercando di riportare ordine e sicurezza in città».

24 ottobre 2020 (modifica il 24 ottobre 2020 | 03:06)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte