Piacenza, primo giorno di scuola con sciopero: 300 bambini restano a casa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Alunni a scuola (archivio)
Alunni a scuola (archivio)

All’appello dei 35mila studenti piacentini che il 13 settembre sono tornati in classe, ne mancavano 300. L’inizio della scuola è slittato di un giorno per gli alunni della primaria Mazzini, costretti a ritardare il rientro in presenza, dopo un anno e mezzo di Dad, a causa di uno sciopero indetto da Anief e Sisa.


In 300 fuori a casa

Si è trattato di una protesta del personale Ata contro l’obbligo di green pass, a cui hanno aderito 5 dipendenti della scuola elementare. L’astensione dei dipendenti, anche se comunicata con il dovuto preavviso, non ha consentito di aprire il plesso in sicurezza e ha costretto circa trecento scolari a iniziare le lezioni un giorno dopo rispetto a tutti gli altri. Doveva essere, come nel resto della provincia, la ripresa tanto attesa, finalmente in presenza. Le cartelle erano già cariche, le aule pronte ad accogliere gli studenti. Ma i cancelli della scuola Mazzini sono rimasti serrati. All’origine della chiusura – obbligata – della struttura scolastica, la carenza di personale Ata. Cinque i lavoratori che non si sono presentati in segno di protesta contro il green pass, reso obbligatorio dal governo per docenti e dipendenti degli istituti.

Le proteste

Un obbligo «inutile, illegittimo e discriminante», lo ha descritto Anief, critico anche sulle modalità individuate dal ministero per il ritorno in presenza, a detta del sindacato non sufficienti a garantire la sicurezza dei dipendenti. Della protesta convocata dalle due sigle era a conoscenza la preside Giovanna Solari, che aveva quindi già provveduto ad avvisare le famiglie del rischio che il calendario delle lezioni cambiasse. Così è stato. Tra delusione dei più piccoli e rabbia dei genitori, lo stop ha ritardato l’inizio dell’anno scolastico di un giorno per 94 bambini della materna e 200 della primaria. Un giorno “negato” che ricorderanno in particolar modo i 48 nuovi scolari trepidanti in vista del primo ingresso alle scuole elementari.

La newsletter del Corriere di Bologna

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Bologna e dell’Emilia-Romagna iscriviti gratis alla newsletter del Corriere di Bologna. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

14 settembre 2021 (modifica il 14 settembre 2021 | 18:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte originale: Leggi ora la fonte