Pallavolo: 1990 anno magico, docufilm con sostegno Regione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – BOLOGNA, 04 NOV – Un altro lungometraggio sostenuto
dalla Regione Emilia-Romagna approda sullo schermo: venerdì 6
novembre, alle 23, su RaiSport, andrà in onda ‘Il Grande Slam –
Generazioni di fenomeni’, prodotto da A. F. Project, casa di
produzione di Francesca Aiello con sede a Parma, per la regia di
Mario Maellaro. Il documentario racconta l’anno magico del
volley italiano, il 1990, quando la Maxicono Parma sigla il
Grande Slam, la Philips Modena vince la Coppa dei Campioni e, il
28 ottobre, la Nazionale di Julio Velasco diventa Campione del
Mondo.
    “E’ la prima volta che un documentario sostenuto dalla
Regione arriva in programmazione su RaiSport – sottolinea il
presidente della Regione, Stefano Bonaccini – ed è bello che
succeda con la narrazione del momento più bello per la pallavolo
italiana, che arrivò sul tetto del mondo con quella che è stata
giustamente definita la ‘generazione di fenomeni’, campioni
eccezionali guidati da un allenatore come Velasco, un maestro di
vita oltre che di sport. Una stagione d’oro anche per il volley
regionale, con i trionfi di Parma e Modena”. “Queste opere,
sostenute dalla Regione attraverso la Film Commission regionale,
trovano sempre più spazio, il che – aggiunge – dimostra la
nostra capacità di scegliere e sostenere progetti di qualità di
fronte a un mercato ricco di proposte e molto creativo. Cinema e
audiovisivo che, soprattutto in un momento così difficile,
vogliamo continuare a sostenere”.
    Il documentario, che vede la partecipazione di Jacopo Volpi,
giornalista e conduttore televisivo, è stato sostenuto dalla
Regione nell’ambito dell’ultima sessione del bando riservato
alle imprese con sede in Emilia-Romagna. La Regione, solo
quest’anno, a sostegno della produzione di opere audiovisive ha
assegnato oltre 1 milione e 600 mila euro, in un periodo che
vede il settore duramente provato dalle chiusure dovute
all’emergenza Covid, rispondendo alla vitalità di un territorio
dove le richieste di contributo sono in crescita rispetto al
2019, sia per quanto riguarda le opere nazionali e
internazionali (+32%) che per le produzioni regionali (+26%).
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte