Navalny: Corte Strasburgo condanna Russia per danni morali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

La Corte europea dei diritti umani (Cedu) ha condannato la Russia a pagare 8.500 euro per danni morali ad Aleksey Navalny per la violazione dei suoi diritti avvenuta nel 2012.
    Il 6 maggio di quel anno Navalny stava manifestando nella piazza moscovita di Bolotnaya, quando fu arrestato “brutalmente”, tenuto in detenzione amministrativa per oltre 15 ore, e poi processato. Nella sentenza, che diverrà definitiva tra 3 mesi se le parti non domandano un nuovo giudizio, la Corte di Strasburgo ha stabilito che “sulla base di un video del suo arresto, Navalny è stato vittima di un trattamento degradante” perché nonostante non si veda l’uomo opporre resistenza, uno dei poliziotti gli torce un braccio fino a farlo urlare. I giudici della Cedu ritengono inoltre che la detenzione amministrativa di Navalny sia stata “ingiustificata e arbitraria” perché l’oppositore politico poteva essere rilasciato subito dopo la stesura del verbale, invece di essere trattenuto per oltre 15 ore. La Corte afferma poi che il processo non è stato equo perché i tribunali nazionali hanno rifiutato le “prove dell’imputato e hanno fondato la sentenza esclusivamente su documenti standard presentati dalla polizia. Infine la Cedu afferma che la Russia ha violato il diritto di Navalny a manifestare, non solo perché non ha assicurato che la manifestazione a piazza Bolotnaya potesse tenersi pacificamente, ma anche perché la detenzione , il processo e la condanna dell’uomo hanno costituito un’interferenza con il diritto a manifestare. Inoltre a Strasburgo affermano che “l’arresto brutale di Navalny e la sua condanna, dovevano avere l’effetto di scoraggiare lui ed altri dal partecipare a proteste e a impegnarsi attivamente nell’opposizione politica”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte