Mihajlovic-Lazio, stavolta niente partita del cuore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

‘Per chi ne ha indossato la maglia per sei stagioni, dal ‘98 al 2004, alzando al cielo uno scudetto, 2 Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Uefa, segnando gol a raffica (33 in 193 partite), la Lazio è e resterà sempre un crocevia speciale’. Inizia così il Resto del Carlino sulla partita del cuore di Mihajlovic tra Lazio e Bologna.

Ma domani sera i rossoblù di Sinisa avranno bisogno di punti pesanti, quantomeno per provare a scrollarsi di dosso la zona retrocessione, tornata a essere incombente dopo tre sconfitte in quattro partite. Più che le emozioni Mihajlovic inseguirà i punti all’Olimpico, quello stadio che l’anno scorso lo vide protagonista di una gita sotto la Nord, ovvero la curva laziale che lo applaudì dopo essere uscito dalla leucemia. Sempre emozioni per Mihajlovic all’Olimpico, infatti anche l’anno prima, cioè il 20 maggio 2019, con un pirotecnico 3-3 il tecnico serbo sancì matematicamente il miracolo sportivo della salvezza del Bologna in quella splendida cavalcata inizia a febbraio.

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte