Migranti: strage nella Manica, tensione tra londra e Parigi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Londra e Parigi hanno concordato sull'”urgenza” di aumentare i loro sforzi congiunti per combattere gli attraversamenti “mortali” della Manica da parte dei migranti che tentano di raggiungere l’Inghilterra dalla Francia, dopo il naufragio che ha causato 27 morti. Lo ha reso noto Downing Street. Nel corso di una telefonata il premier britannico Boris Johnson e il presidente francese Emmanuel Macron “hanno concordato sull’urgente necessità di aumentare i loro sforzi congiunti per impedire questi attraversamenti e fare tutto il possibile per fermare i trafficanti che mettono a rischio la vita” dei migranti, ha affermato un portavoce. Il ministro degli Interni francesi Gerald Darmanin ha attaccato il governo di Londra per la cattiva gestione del fenomeno migratorio. Parlando alla radio Rtl il ministro ha detto che la Gran Bretagna deve attuare “una riforma del lavoro così da migliorare la gestione dell’immigrazione illegale”. Darmanin ha inoltre annunciato un quinto uomo, un ‘passeur’ legato al naufragio. Tra le vittime, ha fatto sapere la procura di Lille, ci sono 17 uomini, sette donne e tre giovani. Intanto continuano gli attraversamenti del canale della Manica da parte di barconi di migranti. Nonostante le condizioni meteorologiche siano pessime, due imbarcazioni con circa 40 migranti a bordo sono arrivate a Dover stamani


Fonte originale: Leggi ora la fonte