‘Mettiamo radici per il futuro’; in 40 giorni già distribuiti più di 180mila alberi gratis da piantare in Emilia-Romagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Alberi, bosco, ambiente, clima, cambiamento climaticoAcero, melo, pioppo, betulla, gelso, nocciolo, ontano. Sono solo alcune delle tipologie di piante che stanno trovando casa nei parchi, nei giardini e nelle zone verdi di tutto il territorio regionale, come previsto dalla campagna ‘Mettiamo radici per il futuro’ che consiste nella distribuzione gratuita di 4,5 milioni specie arboree – una per ogni abitante – nei prossimi quattro anni.

Un piano green senza precedenti dal valore di 14 milioni di euro, nato con l’obiettivo di estendere la superficie boschiva su tutto il territorio regionale e contribuire così alla lotta ai cambiamenti climatici e al miglioramento della qualità dell’aria.

 Presentata a Bobbio lo scorso 26 settembre con la piantumazione del primo albero da parte del presidente Stefano Bonaccini e dell’assessore all’Ambiente, Irene Priolo, la distribuzione gratuita delle prime 500mila piante forestali entro il 31 dicembre 2020 è ufficialmente partita.

Dal primo ottobre, infatti, i cittadini, gli enti locali, le scuole, le associazioni – e anche le imprese previo accordo con il Comune di appartenenza- dell’Emilia-Romagna possono recarsi nei 21 vivai accreditati per ritirare gratis il proprio albero.

In 40 giorni, più di 180mila alberi già consegnati e prenotati in tutta l’Emilia-Romagna

I dati del primo report di monitoraggio dell’iniziativa, aggiornati al 6 novembre, contano – in poco più di un mese dall’inizio della campagna- oltre 130mila piante consegnate e circa 14mila beneficiari, di cui 13.500 sono cittadini, 153 le associazioni e 287 gli enti pubblici e più di 50mila prenotate da Enti locali. 

Si tratta di una distribuzione pari al 36% del valore delle piante messo a disposizione dal bando, corrispondente a un investimento regionale di circa 400mila euro.

Tutte le informazioni sulla campagna, al sito https://radiciperilfuturoer.it 


Fonte originale: Leggi ora la fonte