Matrimonio con 93enne in fin di vita, assolto prete

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – GENOVA, 06 NOV – E’ stato assolto, perché il fatto
non costituisce reato, don Pietro Franco, ex parroco di
Boccadasse, accusato di circonvenzione. Il prete, che ora vive a
Faenza, era accusato dalla procura di Genova di avere celebrato,
nel 2014, il matrimonio di un uomo di 93 anni in fin di vita con
una donna di 72 anni avvenente cacciatrice di dote.
    La sposa, Gabriella Radaelli, è stata condannata a due anni e
otto mesi mentre sono stati assolti i due testimoni, il figlio
della donna e la sua fidanzata. Secondo quanto ricostruito,
l’ignaro sposo era Carlo Gian Battista Bianchi Albrici,
imprenditore milanese trapiantato a Genova con eredità
milionaria. Secondo l’accusa, l’unione sarebbe stata celebrata
di notte in modo furtivo. Così la settantenne sarebbe diventata
erede dell’impero dell’imprenditore.
    Il raggiro era stato scoperto dal figlio di Bianchi Albrici,
che aveva impugnato il testamento e denunciato la donna. Il
prete, difeso dall’avvocato Michele Ispodamia, ha sostenuto di
avere unito in matrimonio una coppia innamorata. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte