L’esempio degli Atleti Paralimpici per una reale inclusività – “Qui gatto… ci cova” la rubrica di David Oddone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Devo ammettere, purtroppo, che ultimamente sono pochi i momenti in cui sono fiero di essere italiano.

A farmi ritrovare il sorriso e soprattutto l’orgoglio sono stati tutti i nostri meravigliosi ragazzi impegnati a Tokyo per i Giochi Paralimpici.

Mentre scrivo siamo a ben 58 medaglie, che sicuramente da qui a sera lieviteranno.

Un risultato, ancora parziale, che ci porta nell’olimpo dello sport e saldamente nella top ten mondiale.

Sarebbe sbagliato da parte mia citare una particolare disciplina o un particolare atleta: basti dire che possiamo guardare dall’alto in basso nazioni quali Francia o Germania.

Paesi che non cito a caso.

Già, perché l’orgoglio è doppio e non solo sportivo.

Primeggiare alle Paralimpiadi ci fa sentire tutti uomini e donne migliori.

Un intero Stato viene premiato: significa che l’Italia, finalmente, grazie a questi Sportivi, con la “S” rigorosamente maiuscola, fa un salto di qualità e civiltà enorme.

Io credo che chi ha responsabilità politiche alla fine della vittoriosa kermesse dovrà aprire gli occhi e cominciare a prendere appunti.

Questo impegno, questa abnegazione che ci sta facendo raggiungere vette altissime, va declinata immediatamente nella quotidianità.

Il che significa ad esempio abbattimento delle barriere architettoniche e inclusione vera.

Ecco, al di là degli allori spero vivamente che alla fine di Tokyo 2021 ci resti la consapevolezza che bisogna essere anche e soprattutto campioni nella vita.

E per farlo ognuno va messo nelle condizioni di competere ad armi pari: nello sport, come nel lavoro o negli svaghi.

A buon intenditor, poche parole.

Vorrei chiudere questo breve articolo, proposto di getto sulla spinta delle emozioni che solo lo sport può trasmettere, citando i sei atleti rifugiati paralimpici attualmente impegnati nei Giochi: essi ben esemplificano il potere dello sport nel promuovere l’inclusione e trasformare la vita delle persone disabili costrette alla fuga, che, secondo le stime attuali, sono circa 12 milioni.

Grazie.

David Oddone

Rubrica “Qui gatto… ci cova”

  • Lascia un commento