La villa di Epstein in Florida sarà demolita

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – NEW YORK, 03 NOV – La villa di Jeffrey Epstein in
Florida sarà demolita. Lo ha detto al Wall Street Journal
l’imprenditore immobiliare Todd Michael Glaser che ha firmato il
contratto di acquisto della mansion appartenuta al finanziere
trovato impiccato l’anno scorso in carcere a New York mentre era
in attesa di un nuovo processo per abusi, sfruttamento della
prostituzione e traffico di minori.
    Casa Epstein, ubicata nella zona più cara di Palm Beach a
poca distanza da Mar-a-Lago, era stata messa sul mercato in
luglio per quasi 22 milioni di dollari. Glaser, uno dei
costruttori dietro il grattacielo di Miami One Thousand Museum
disegnato da Zaha Hadid, ha detto che l’accordo dovrebbe
arrivare in porto in dicembre e il piano è di raderla al suolo e
costruire sul terreno un’altra villa ex novo.
    “Palm Beach sarà felice di non vederla più”, ha detto
l’imprenditore al Wall Street Journal senza rivelare il prezzo
pattuito, che altre fonti vicine all’affare hanno indicato in
quasi 18 milioni di dollari. Epstein aveva comprato la proprietà
nel 1990 per 2,5 milioni di dollari. Oltre alla townhouse di New
York, ancora in vendita per 88 milioni di dollari, la villa era
stata teatro di incontri illeciti tra gli amici vip del
finanziere e ragazze minorenni. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte