La rabbia di un figlio, papà morto per contagio in ospedale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – CASERTA, 13 NOV – “Mio padre è morto per malasanità,
dopo aver contratto il Covid in ospedale”. E’ quanto denuncia in
un post carico di rabbia l’ex assessore del Comune di Marcianise
(Caserta), Giulio Salzillo, che racconta della morte del papà.
    “Il mio faro, la mia guida di un’intera vita; se n’è andato in
silenzio come ha sempre fatto senza disturbare nessuno. E’ stato
vittima della malasanità” scrive Salzillo che poi torna ai
momenti drammatici vissuti con il genitore.
    “Ricoverato con tampone negativo per ben due volte, mio padre
ha contratto il Covid per la presenza tra i sanitari di un
ausiliare positivo asintomatico. Non è giusto, dopo tante
premure dei familiari, rimanere vittima di sciagurati che ti
dovrebbero preservare. Non è giusto dopo una vita di sacrifici e
di rispetto delle regole, non poter ricevere una banale
assistenza per una gestione scellerata. Mio padre era un uomo
d’altri tempi, di quei tempi d’oro che ci hanno insegnato il
rispetto e i valori umani. Merita rispetto ed onore per tutto
ciò che ci ha dato”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte