In Francia via libera a quinto vaccino, il Novavax

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il vaccino contro il coronavirus SarsCoV2 del gruppo farmaceutico americano Novavax, basato su una tecnologia classica e non mRna come Pfizer o Moderna, diventerà il quinto disponibile in Francia dopo il via libera dell’Alta Autorità per la Salute (Has) arrivato oggi. Questo vaccino e quello di Janssen (Johnson&Johnson, già disponibile per gli over 55 in Francia) possono in alcuni casi essere una “alternativa utile” per le persone reticenti a farsi iniettare i vaccini mRna di Pfizer e Moderna, sottolinea in una nota l’authority transalpina. 

CONTAGI RECORD IN GERMANIA – “Sono sempre ancora favorevole a un obbligo del vaccino generale a partire dai 18 anni”. Lo ha detto il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach in conferenza stampa a Berlino. Il ministro ha sottolineato che “non si può escludere che esca fuori in futuro una variante più contagiosa e più pericolosa”. Lauterbach ha quindi rimarcato: “Io non classifico neppure la variante Omicron come innocua”. Chi è vaccinato tre volte è molto più protetto da decorsi gravi e dall’ipotesi di un decesso a causa del virus, ha concluso.

Intanto il Paese registra un nuovo record dei contagi da covid nelle 24 ore: stando al Robert Koch Institut, sono stati registrati 92.223 (per la prima volta sopra la soglia dei 90 mila, in tutta la pandemia); due giorni fa il dato aveva superato per la prima volta gli 80 mila. I decessi segnalati sono 286. Anche l’incidenza settimanale è aumentata a 470,6 casi su 100 mila abitanti. Il tasso di ospedalizzazione è di 3,09 pazienti ricoverati nelle terapie intensive per 100 mila abitanti.

POSITIVA LA PREMIER SVEDESE – La prima ministra svedese Magdalena Andersson è risultata positiva al test per il Covid-19, mentre il paese nordico registra un boom di contagi. Secondo il suo addetto stampa, Johan Ekstrom. La prima ministra si sente bene, “sta seguendo le attuali raccomandazioni e svolgerà il suo lavoro da casa”. Oltre ad Andersson, anche Per Bolund – che guida il Partito dei Verdi insieme a Marta Stenevi – e la leader del Partito di centro Annie Loof sono risultati positivi al coronavirus dopo un incontro dei leader di partito mercoledì scorso.

AUMENTATO L’ECCESSO DI MORTALITA’ IN UE – L’eccesso di mortalità nell’Ue è aumentato nell’autunno del 2021, raggiungendo il massimo del 27% a novembre. Il valore è oltre il picco di decessi eccessivi registrato nell’aprile 2020 (+25%), ma resta sotto il balzo massimo del dato registrato a novembre 2020 (+40%). E’ quanto emerge dai dati sulla mortalità in eccesso pubblicati oggi da Eurostat e basati su una raccolta di dati settimanali sui decessi. In Italia l’indicatore è il più basso dopo quello della Svezia (-0,5%) ed è in crescita del 3,9%.

   


Fonte originale: Leggi ora la fonte