Il rebus della riapertura delle scuole dopo il 4 dicembre. L’Iss: meno casi tra gli adolescenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Che cosa succederà dopo il 4 dicembre, se le scuole superiori potranno riaprire, oggi non c’è nessuno nel governo che lo sa dire. Neppure al ministero dell’Istruzione la ministra Lucia Azzolina, che da quando hanno chiuso sta lavorando per tenere alta la bandiera del ritorno in classe, si sente di fare previsioni. Dalla prossima settimana, se i dati di rallentamento generale della circolazione del virus saranno confermati, si comincerà a riflettere sul da farsi.

<!–

–>

Eduscopio 2020, da Milano a Roma, da Torino a Napoli. Ecco la classifica delle scuole superiori migliori d’Italia
Come si misura la qualità di una scuola?

<!–

–>

Scuola, iscrizioni 2021-22 al via il 4 gennaio. Tutti i passi da fare |
La classifica
Primo passo: la registrazione
I dati dell’Iss

Ma ci sono dati sui contagi in classe e che cosa dicono? L’Istituto superiore di Sanità ha presentato venerdì scorso un monitoraggio specifico sulle scuole, paragonando i dati dei contagi a livello nazionale con quelli della fascia di età dai 3 ai 18 anni. Con alcune avvertenze, come quella che i dati delle due ultime settimane – forniti dalle Asl – non sono completi e dunque rischiano di ridurre la portata dello studio, i grafici dimostrano che da quando si sono chiuse le scuole superiori i contagi nella fascia d’età 14-18 sono diminuiti e – si legge nelle conclusioni – «dal 20 ottobre i dati suggeriscono che i casi tra i bambini e ragazzi non crescano allo stesso ritmo dei casi in età non scolare e che abbiano raggiunto un plateau».

La diminuzione

La spiegazione sulla diminuzione dei contagi, secondo i tecnici del ministero dell’Istruzione, oltre che alle chiusure in sé, sarebbe anche da ascrivere al fatto che, non andando più a scuola, i contagi tra adolescenti non sono più controllati come avveniva nelle prime settimane di scuola. I focolai restano comunque pochi, il 2.2 per cento del totale. Le tabelle regionali mostrano l’impennata dei casi in Sardegna, Umbria, Piemonte, Campania e Bolzano da fine settembre, tutti poi in diminuzione dalla fine di ottobre, dopo il primi provvedimenti di chiusura.

Test e trasporti

Quali siano le condizioni per poter riaprire le scuole però si comincia a delineare: un piano per i trasporti e quei test per gli studenti e i professori che erano stati annunciati in estate ma che si sono persi nell’emergenza di queste settimane. Della questione test per le scuole si dovrà occupare il Cts, al quale il ministero dell’Istruzione ha chiesto un parere. Per quanto riguarda i trasporti invece Azzolina ha scritto al presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini chiedendogli che le regioni forniscano agli uffici scolastici un piano con le situazioni critiche per poter procedere a rimodulare gli orari e gli scaglionamenti degli ingressi e delle uscite.

Leggi anche

Il nodo dei supplenti

«Ma per riaprire bisogna che in classe ci siano i professori – avverte il presidente dell’Anp Lazio Mario Rusconi -mancano ancora tantissimi supplenti annuali, prima di dicembre o gennaio le cattedre non saranno complete». Monica Galloni, preside del liceo scientifico Augusto Righi, primo della Capitale secondo la classifica di Eduscopio, ha lanciato un appello pubblico per tornare in classe: «Abbiamo bisogno di esserci. Abbiamo bisogno di venire e stare a scuola. Abbiamo bisogno della nostra vita».

17 novembre 2020 (modifica il 17 novembre 2020 | 07:07)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte