Grassani: “Contraddittorie le convocazioni in nazionale, le società possono opporsi se…”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Contraddizione

Sale agli onori della cronaca il problema sosta nazionali. Il Covid 19 ha prodotto restrizioni ovunque, ma restano in calendario le partite delle nazionali che impongono viaggi intercontinentali ai calciatori. Il Werder Brema si è opposto e non vuole mandare i suoi tesserati in nazionale, ma le società possono farlo. Ne ha parlato l’avvocato Mattia Grassani al Carlino:
“In un periodo in cui le autorità di governo stanno dispondendo restrizioni alla circolazione, diventa contraddittorio avere convocazioni in nazionale. Impedire che un calciatore di Milano si sposti in un’altra Regione ma, al contempo, possa compiere un viaggio intercontinentale, mi sembra una contraddizione in termini”.

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte