Governo Draghi, il sì al ministero «ecologico» sblocca il voto dei 5 Stelle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche

Il via libera alla consultazione sarebbe avvenuto dopo una telefonata fra Draghi e Beppe Grillo proprio sull’esistenza del nuovo ministero come condizione per la partecipazione al governo.

La risposta affermativa di Draghi sull’intenzione di istituirlo è filtrata dopo il confronto con il Wwf, che ha annunciato che il premier farà un ministero ad hoc. Il segnale che attendevano i Cinque Stelle per procedere con la consultazione e anche per dare il via libera allo stesso Draghi. «Un’ottima notizia, una importante innovazione per il Paese proposta da Beppe Grillo che come sempre è lungimirante», esulta Luigi Di Maio.

Nella giornata si vedono anche Berlusconi e Salvini, nella nuova residenza romana del Cavaliere sull’Appia antica, per rinnovare la sintonia reciproca e la fiducia incondizionata al futuro governo Draghi. Con una piccola differenza: la Lega avrebbe girato al premier incaricato almeno 7 nomi di possibili futuri ministri, una rosa ampia, Berlusconi avrebbe fatto il contrario, suggerendo un unico nome, coperto dal riserbo, all’ex presidente della Bce. Per Salvini, che riunisce i suoi senatori via Zoom, in ogni caso «la Lega è pronta, e non si può perdere altro tempo». Anche per «evitare il rischio di un altro giro di consultazioni». Gli fa eco Giancarlo Giorgetti che di fronte ai deputati dice che il partito di via Bellerio «risponde alla chiamata di Mattarella».

Un’ansia di chiudere in fretta condivisa anche da Italia viva, mentre Matteo Renzi non esita ad ammettere la necessità di «intrighi di palazzo: finché con questi si può ottenere del bene li utilizzo, ho ucciso il populismo».

Anche il Pd riunisce il suo comitato politico e con una nota rinnova il sostegno unanime a Draghi. Sul quale per tutta la giornata si rincorrono voci di un suo nuovo formale intervento, dopo il primo brevissimo al Quirinale al momento del conferimento dell’incarico. Voci smentite in serata, bisognerà attendere ancora un po’.

10 febbraio 2021 (modifica il 10 febbraio 2021 | 23:38)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte