Fontana e i contagi in Lombardia: «Siamo arrivati in cima al plateau, ora inizia la discesa»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

«Siamo arrivati in cima al plateau, camminiamo in pianura e adesso inizierà la discesa». Lo ha detto, intervenendo a Mattino5, il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, parlando dell’andamento dei contagi da coronavirus sul territorio regionale. «Oggi vediamo i risultati dell’ordinanza regionale del 22 ottobre», mentre «fra qualche giorno inizieremo a vedere anche i dati del lockdown nazionale», ha proseguito Fontana secondo il quale «all’inizio», in ogni caso, «è meglio un po’ di cautela per non dover poi vedere una ripartenza del virus: meglio insomma una cautela iniziale e mettersi in sicurezza», in quanto «più le misure sono rigorose e più si raggiungono risultati».

I parametri

«Noi sosteniamo che i 5 parametri che abbiamo indicato siano i più logici» e non pongono «dubbi interpretativi», ha continuato il governatore commentando la richiesta avanzata ieri dalla Conferenza delle Regioni al ministro della Salute di modificare i parametri utilizzati per decidere come collocare i territori nelle tre fasce di rischio (rossa, arancione e gialla). La richiesta dei governatori è quella di ridurre da 21 a 5 gli indicatori dell’indice di rischio. Per il presidente lombardo «ci sono parametri che sono difficili da interpretare» e non è chiaro «come vengano poi tramutati poi in un numero, in una valutazione» da parte del governo.

Leggi anche

18 novembre 2020 | 10:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte