Fiere: Bologna, 22mila presenze per il primo Salone nautico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

“Sono dati più che positivi” quelli relativi alla prima edizione del Salone Nautico di Bologna, che si è concluso il 25 ottobre nei padiglioni della Fiera. In evidenza le vendite, ma più che soddisfacenti anche i numeri legati alle presenze, che hanno toccato quota 22mila.
    L’impegno del presidente della società organizzatrice, Gennaro Amato, ha così trovato riscontro e consentito alla piccola e media nautica, quella tra i 5 e i 18 metri, di trovare, in un periodo così difficile, una visibilità ed un posizionamento commerciale di garanzia per il futuro.
    “La soddisfazione di aver trovato una risposta così positiva, in un momento così difficile e nebuloso per tutti i mercati e per i saloni nautici, ci consentirà di poter lavorare all’edizione del 2021 con ancora maggior impegno”, ha detto il presidente di Snidi (Saloni nautici internazionali d’Italia), Amato. Quantità e qualità sono andate a braccetto al Salone Nautico di Bologna. Vendite in casa Rio, Italmar, Marine Site Nautica Allegra e Idea Marine dimostrano l’interesse del pubblico per le imbarcazioni in vetroresina nel comparto motoscafi e yacht. Eppure il successo e le vendite di Cantieri Mimì e Nautica Esposito, che hanno rappresentato il settore gozzi, indica che a Bologna i visitatori hanno gusti ed interessi eterogenei.
    “Il superamento della quota delle 22mila presenze dimostra un riscontro che ci lascia soddisfatti – ha spiegato il direttore generale di BolognaFiere, Antonio Bruzzone – anche nella scelta di aver ospitato un settore innovativo per noi che è quello della nautica. Siamo pronti a supportare la preparazione dell’edizione del 2021”. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte