Festa Roma: Salvatores, natura, pandemia e rabbia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – Un Gabriele Salvatores rilassato e
disponibile, raggiunto in remoto a casa dove è in isolamento per
il Covid, racconta il suo FUORI ERA PRIMAVERA che passa oggi
alla Festa di Roma. Un documentario che raccoglie i video fatti
durante il lockdown mandatigli da migliaia di Italiani.
    Queste alcune delle cose dette dal regista nella sua lunga
intervista.
    LA NATURA E NOI. Diceva Guccini in ‘Noi non ci saremo’: “Dai boschi dal mare ritorna la vita, e ancora la terra sarà
popolata ma noi non ci saremo, noi non ci saremo”. Per questo,
a inizio film, ho messo immagini della natura e quelle degli
animali che si sono ripresi la città durante la quarantena. Il
fatto è che i veri parassiti del mondo siamo noi. Le condizioni
climatiche, gli allevamenti intensivi, le deforestazioni credo
siano legate a quello che è successo. Sarebbe bello se, prima o
poi, imparassimo qualcosa, ma non succederà: mettiamo sempre
avanti il potere e il denaro.
    POLITICA. Mi arrabbio molto con i negazionisti e con i nostri
politici in generale. Se fai il politico ci deve essere
vocazione e così non è possibile che venga messo a capo di una
Asl qualcuno solo perché ha una tessera di partito.
    Certe immagini di alcuni politici sono davvero terribili e
questo a parte gli schieramenti. Tu sei un politico e dovresti
dare il buon esempio, come diceva mio padre. La loro
comunicazione non è mai chiara: ti dicono una cosa e poi ne
fanno un’altra. In Oriente le cose vanno meglio perché c’è
maggiore fiducia nei politici, noi siamo invece individualisti.
    POVERTÀ E COVID. Il Covid è una ‘livella’, ma fino a un certo
punto. Sono sempre i poveri, le persone più deboli che pagano.
    Mi vengono le lacrime agli occhi guardando le persone per
strada, gli homeless.
    RABBIA SOCIALE. Quello che temo di più oggi? La rabbia
sociale che potrebbe scaturire da tutto questo. E ho paura anche
che si abbassi la guardia verso il Covid. Chi, tra gli uomini di
potere, opinionisti, giornalisti e tuttologi dà un messaggio
sbagliato spero che, prima o poi, venga punito. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte