Everton-Liverpool è derby spettacolo, finisce 2-2

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 17 OTT – Quello del Merseyside, a Goodison
Park, è stato un gran bel derby, come spesso succede. E’ finita
2-2, con l’Everton di Ancelotti che ha sofferto, è andato sotto
due volte e si è ritrovato con un uomo in meno ma ha tenuto
testa ai ‘cugini’ del Liverpool riuscendo ad ottenere il
pareggio e mantenendo la testa della classifica, con 13 punti in
5 partite, mentre il Liverpool sale a quota 10.
    Per la prima volta negli ultimi trenta anni l’Everton è
arrivato alla stracittadina davanti in graduatoria ai cugini, ma
ad andare in vantaggio sono stati i Reds dopo appena tre minuti,
con Manè. Poi però hanno perso Van Dijk per infortunio dopo uno
scontro con Pickford, portiere dei Toffees: poteva essere rigore
se l’olandese non fosse partito da posizione di fuorigioco. Al
suo posto è entrato Joe Gomnez, poi al 19′ c’è stato il pari
dell’Everton con un colpo di testa di Keane. Al 26′ st il nuovo
vantaggio del Liverpool, con Salah che ha sfruttato
un’incertezza del colombiano Mina sull’assist per l’egiziano di
Henderson. Rete storica questa dell’ex romanista, visto che è
stata la numero 100 con la maglia del Liverpool.
    Ma l’Everton ha avuto la forza di reagire, trovando il gol del
pareggio, poco dopo un salvataggio di Pickford su Diego Jota. A
realizzare il 2-2, al 35′ st, è stato Calwert-Lewin, che ha
confermato il proprio stato di grazia con un colpo di testa
vincente sul cross dell’altro ex romanista Digne. Everton in
dieci a un minuto dalla fine per l’espulsione di Richarlison
(brutto fallo su Thiago Alcantara), ma l’ultimo brivido del
match è arrivato al 92′: gol di Henderson per i Reds, annullato
dopo consulto al Var per un fuorigioco millimetrico di Manè. Era
destino che finisse pari, e la stretta di mano fra Ancelotti e
Klopp sancisce un derby che avrebbe meritato una degna cornice
di pubblico. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte