Edilizia: Saie, ricavi in calo ma aziende pronte a ripartire

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ricavi in calo per sei aziende su dieci nell’intera filiera delle costruzioni, ma le imprese del settore dopo il contraccolpo del Covid-19 sono pronte a ripartire. È la fotografia scattata dall’Osservatorio Saie, realizzato da Senaf, presentata in occasione del convegno inaugurale di ‘Saie – Riparti Italia’, la fiera delle costruzioni in corso a BolognaFiere fino al 17 ottobre.

Dai dati dell’Osservatorio emerge che dopo aver archiviato il 2019 con un leggero segno positivo, lo stop dettato dalla pandemia ha messo a dura prova le costruzioni – quasi 740mila aziende attive – con un impatto sulle performance dell’86% di esse. Nonostante questo, le imprese del settore non hanno perso la fiducia e cercano rilancio: il 34% dichiara di essere già tornato alla normalità e il 28% conta di farlo entro sei mesi.

Se da un lato oltre sei aziende su dieci (62%) ha registrato un calo dei ricavi, la fiducia cresce quando si pensa al futuro: il 55% degli intervistati prevede un incremento nel giro d’affari del settore nei prossimi tre anni (solo l’11% pensa che possa esserci un peggioramento). Anche il livello di fiducia a livello generale della filiera edile è alto (43%) o medio (48%).

Tra le misure possibili per favorire la spinta del settore gli imprenditori chiedono soprattutto gli incentivi governativi (55%), la semplificazione della burocrazia (45%), lo sblocco dei cantieri (44%), l’abbassamento del cuneo fiscale (33%) e un piano di investimenti per l’edilizia pubblica (29%). Tra gli incentivi più efficaci sono indicati il bonus ristrutturazione (dal 59% delle imprese) seguito dall’Ecobonus (58%) e dal Superbonus 110% (56%).


Fonte originale: Leggi ora la fonte