Dpcm: Bonaccini, alcune restrizioni non sono coerenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

“Il Dpcm contiene molte nuove restrizioni, alcune delle quali forse non pienamente coerenti tra loro. Sulle modalità di alcune chiusure ritengo non vi sia stato sufficiente ascolto delle proposte che abbiamo avanzato come Regioni, ma è il momento dell’unità e non aggiungo le mie considerazioni, che ora sarebbero inutili e fonti solo di altrettanto inutili polemiche”. Lo dice, con un post sui social, il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini. 
   

“A provvedimenti restrittivi facciano seguito controlli rigorosi: è importante che tutti comprendano l’importanza del rispetto delle regole e il prezzo che l’irresponsabilità di alcuni può far pagare a tutti”. E’ l’invito, dopo l’emanazione del Dpcm, del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. “Domani – ha aggiunto – valuterò con la mia Giunta l’impatto dei provvedimenti e l’opportunità di assumere alcune, circostanziate misure, per la parte che ci compete”


Fonte originale: Leggi ora la fonte