Difesa suolo, nel Reggiano messa in sicurezza del Lago della Contessa: opere di drenaggio e consolidamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

lavori Lago ContessaUn intervento da 400mila euro in località Bianello di Quattro Castella (Re) per la messa in sicurezza del Lago della Contessa, invaso artificiale per l’irrigazione realizzato nel secolo scorso sulla collina reggiana e che oggi, a causa della perdita di funzionalità e del progressivo abbandono, rappresenta un elemento di rischio per l’abitato a valle. 

“I lavori sono partiti a settembre, in seguito ad una valutazione sulla stabilità dell’area su cui si affaccia il lago”, ricorda l’assessore regionale all’Ambiente e alla Protezione civile, Irene Priolo, che nei mesi scorsi ha svolto un sopralluogo sul posto insieme al sindaco Alberto Olmi

I lavori sono svolti a cura dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e Protezione civile e prevedono azioni di drenaggio superficiale per eliminare l’alimentazione del lago, consentire il consolidamento dei sedimenti al suo interno e prevenire così la perdita di stabilità del versante che sovrasta l’abitato di Monticelli, nella periferia di Quattro Castella. Il progressivo interrimento, dovuto alla continua alimentazione di materiali detritici provenienti dai calanchi posti a monte, ha infatti causato il completo riempimento dei 40mila metri cubi di volume utile di invaso.

Lo stato dei lavori

Attualmente sta per essere ultimato il canale previsto sul lato Est formato da un tratto a cielo aperto lungo circa 100 metri, da una parte sotterranea estesa circa 35 metri con tubi di mille millimetri di diametro e dalla rampa finale di circa 20 metri, in massi cementati.

A causa dei ripetuti episodi di maltempo e delle difficili condizioni di stabilità dei terreni, l’avvio dei lavori è stato preceduto da interventi con teli per proteggere il paramento dallo scorrimento di acque superficiali di sfioramento dal lago e per intercettare le acque dello scolmatore laterale e rallentare l’erosione attiva sul lato ovest. La fine dei lavori è prevista entro l’estate


Fonte originale: Leggi ora la fonte