Covid: Lembo, no criteri aziendali per ristori sport di base

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – ROMA, 31 OTT – “Al premier Conte abbiamo esplicitato
le nostre preoccupazioni, l’impegno del governo è stato sui
ristori ma tutto il mondo dello sport di base si basa sulla
mancanza di scopo di lucro e commisurare i ristori in base cali
di fatturato significa uare criteri aziendalistici che non si
sposano bene con la nostra realtà”. È quanto dichiarato dal
presidente dell’Us Acli Damiano Lembo, intervenuto al ‘Dribbling’ su Rai 2.
    “La crisi Covid-19 è grave, noi rispettiamo le regole ma
abbiamo segnalato alcune anomalie rispetto al decreto ‘Ristori’
del 28 ottobre. La richiesta al governo è stata quella di
prendere in considerazione modalità diverse di ristoro”, ha
aggiunto il numero uno dell’Us Acli, coordinatore degli Enti di
Promozione presso il Coni. “Siamo preoccupati e arrabbiati – ha
incalzato Lembo -. Ci siamo adoperati per far rispettare i
protocolli, tanto che ci sono stati riscontri che non hanno dato
esiti negativi. Insomma, il compitino lo avevamo fatto e quindi
il Dpcm del 24 è stata una doccia fredda. Lo sport di base è
seriamente a rischio ma non solo quello. Lo sport è salute,
economia sociale e nuovi stili di vita votati al benessere, non
per costrizione ma per scelta. Lo sport è un presidio medico”.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte