Covid: Inzaghi, è un’emergenza ma dobbiamo andare avanti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(ANSA) – ROMA, 27 OTT – “E’ una vigilia diversa rispetto alle
altre però dobbiamo andare a fare una gara importante. Loro
hanno vinto la prima partita come noi, quindi sarà una sfida
decisiva. Mancheranno degli elementi, ma dobbiamo andare oltre
perché questa è un’emergenza che coinvolge un po’ tutti in
questo momento”.
    Pur senza mai nominare la parola Covid, il tecnico della Lazio
Simone Inzaghi fa il punto, dai microfoni di Sky Sport, sulla
situazione della sua squadra, che domani giocherà contro i
campioni del Belgio, il Bruges, priva di molte pedine
importanti. Immobile, Luis Alberto, Lazzari e Anderson, così
come Pereira non sono partiti. Altri, come Strakosha, Cataldi,
Lucas Leiva, Luiz Felipe e Armini, non erano nemmeno stati
inseriti nella lista dei convocati. In più alla Lazio mancano
gli infortunati di lungo corso Radu e Lulic. Così alla volta di
Bruges sono partiti i dodici calciatori rimanenti della prima
squadra (Reina, Milinkovic-Savic, Marusic, Acerbi, Muriqi,
Correa, Patric, Caicedo, Parolo, Akpa Akpro, Fares e Hoedt) più
i sei Primavera Alia, Furlanetto, Franco, Bertini, Pica e Czyz.
    “Il problema principale è che non potremo ruotare i
giocatori – sottolinea Inzaghi -, ma dobbiamo fare di necessità
virtù. Avremo pochissimi cambi, cercheremo di fare quelli che
abbiamo sapendo che abbiamo giocato tre giorni fa con il
Bologna. Ma questo è il momento, bisogna andare avanti” (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte