Covid, Emilia-Romagna: 2.219 nuovi contagi e 48 morti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Si contano 48 nuovi decessi in Regione
Si contano 48 nuovi decessi in Regione

L’aggiornamento di martedì 17 novembre sui dati del Covid in Emilia-Romagna parla di oltre 22.300 tamponi effettuati, da cui sono risultate positive 2.219 persone, di cui 984 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. Rispetto a lunedì 16 salgono i guariti, oggi 332. Il 95% dei positivi è in isolamento a casa, con sintomi lievi. inoltre, la percentuale dei nuovi positivi sui tamponi eseguiti scende al 9,9%, dal 17,6% di ieri, mentre l’età media nei nuovi positivi è di 45 anni. In totale, dall’inizio dell’epidemia da coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 93.285 casi di positività. Complessivamente, tra i nuovi positivi 304 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 456 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La mappa dei contagi

La situazione dei contagi nelle province dell’Emilia-Romagna vede Modena con 517 nuovi casi e Bologna con 360, a seguire Reggio Emilia (241), Ravenna (230), Rimini (207), Piacenza (200), l’imolese (120), Ferrara (117). Poi Parma e Forlì (entrambe con 81 casi), e Cesena (65). Si registrano anche 48 nuovi decessi: 20 in provincia di Bologna (9 donne e 7 uomini ), 4 donne nell’imolese, 8 in quella di Reggio Emilia (3 donne e 5 uomini); 7 in provincia di Modena (6 donne e un uomo di 96 anni), 7 in quella di Ravenna (3 donne e 4 uomini), 3 in quella di Parma (tutte donne), uno a Piacenza (un uomo di 88 anni), uno a Ferrara (un uomo di 87 anni) e uno in provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 79 anni di Cesenatico). Dall’inizio dell’epidemia, in Regione i decessi sono complessivamente 5.115. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 247 (dato stabile rispetto a ieri), 2.451 quelli in altri reparti Covid (+58).

17 novembre 2020 (modifica il 17 novembre 2020 | 17:02)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte