Consegnati a Centro meteo europeo spazi del Tecnopolo di Bologna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

L’Emilia-Romagna consegna ufficialmente al Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio (Ecmwf) gli spazi del Tecnopolo di Bologna pronti per ospitarne il data center, ovvero il nuovo maxi calcolatore, cinque volte più potente di quello attuale e che sarà in grado di scattare “fotografie” delle previsioni meteo sempre più nitide e tempestive. Oggi la firma “a distanza”, in videocollegamento, per la consegna ufficiale degli spazi da parte di Florence Rabier, direttrice generale Ecmwf, Manlio Di Stefano, sottosegretario al Ministero degli affari esteri, Vincenzo Colla, assessore regionale a Sviluppo e lavoro.
    In due anni, 730 giorni per la precisione, con qualche rallentamento e difficoltà subentrate a causa della pandemia Covid-19, gli spazi destinati a ospitare il Data Center europeo sono stati ultimati e oggi sono pronti per ricevere il supercalcolatore per le previsioni metereologiche dopo quattro mesi di test complessi sul funzionamento dell’intera infrastruttura. Sono già arrivati al Tecnopolo i primi elementi delle macchine la cui installazione proseguirà nei prossimi mesi. Tra fine settembre e inizio ottobre comincerà la migrazione delle applicazioni della catena operativa di previsione del Centro che arriverà a compimento alla metà di gennaio. Una prima inaugurazione è prevista nel prossimo autunno. L’archivio meteo a Bologna sarà il primo servizio operativo a fine anno. Fino a fine aprile saranno fatti lavorare in parallelo i sistemi di Reading, dov’ è tuttora il Centro Meteo, e il nuovo di Bologna.
    L’infrastruttura poggia su dieci megawatt di potenza installata, due Data Hall da mille metri quadrati, due Data Storage da 500 metri quadrati, 50 chilometri di cavi elettrici posati, 20mila metri cubi di calcestruzzo, duemila tonnellate di acciaio. La potenza è equivalente a quella di centinaia di migliaia di personal computer interconnessi da centinaia di migliaia di chilometri di cavi. Al lavoro 750 persone di 80 imprese.


Fonte originale: Leggi ora la fonte