City of God dal 7 maggio a Palazzo Vizzani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

City of God dal 7 maggio a Palazzo Vizzani – CorrierediBologna.it


Corriere Bologna: ultime news dall’Emilia Romagna <!– –> <!– –> <!—->






<!–

desktop

includes2013/SSI/notification/global.json

/includes2013/SSI/utility/ajax_ssi_loader.shtml



  • Aprirà il 7 maggio negli spazi tardo settecenteschi di Palazzo Vizzani a Bologna la mostra personale di Alessandro Pessoli «City of God», evento a cura di Fulvio Chimento e organizzato da Alchemilla (Bologna), greengrassi (Londra), ZERO? (Milano). (foto Nucci/Lapresse)


  • L’esposizione, con ingresso libero su prenotazione fino al 10 luglio, fa parte del programma istituzionale di Art City Bologna 2021, manifestazione promossa dall’amministrazione comunale nell’ambito di Bologna Estate. (foto Nucci/Lapresse)


  • Alessandro Pessoli (Cervia, 1963) è considerato uno dei piùstimati artisti italiani di livello internazionale: diplomato all’Accademia di Bologna, dal 2010 vive e lavora a Los Angeles. «City of God» attinge alla produzione recente dell’artista, oltre a presentare opere realizzate appositamente per l’appuntamento bolognese. (foto Nucci/Lapresse)


  • La mostra accoglie i vari elementi plastici e figurativi che caratterizzano il suo lavoro: pittura, scultura, disegno, opere in terracotta. (foto Nucci/Lapresse)


  • Il titolo è un omaggio all’omonimo film di Fernando Meirelles, storia vera ispirata alla figura di Wilson Rodrigues, bambino cresciuto in una favela a ovest di Rio De Janeiro.(foto Nucci/Lapresse)


  • «Lo sguardo del regista e quello dell’artista – spiegano gli organizzatori – si trovano affini: dalla pellicola traspare un senso profondo di accettazione degli accadimenti umani, che va oltre la distinzione fra Bene e Male, in una visione ciclica in cui il carnefice reagisce per affrancarsi dalla propria condizione di reietto». (foto Nucci/Lapresse)


  • «Nella mostra — proseguono — Pessoli mette in relazione vari registri narrativi, ora ironici e surreali, ora tragici e avvolgenti, divenendo regista occulto che determina la presenza scenica dei suoi personaggi, insofferenti alle insidie del presente». (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • (foto Nucci/Lapresse)


  • Il curatore della mostra Fulvio Chimento (foto Nucci/Lapresse)


  • Alessandro Pessoli


Fonte originale: Leggi ora la fonte