Calcio: Zampa, con soluzione Nba squadre non starebbero così

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 14 OTT – “La capacità di tenuta dipende dai
comportamenti”, per questo “se fosse stata accettata la proposta
molto rigorosa che era stata fatta inizialmente, oggi le squadre
di calcio non avrebbero dei giocatori contagiati, quindi
avrebbero una situazione migliore”. Se si continua così invece,
alla fine deve “giocare la giovanile”. Lo ha detto Sandra Zampa,
sottosegretario al Ministero della Salute, ad Agorà Rai Tre,
sull’emergenza Coronavirus, in merito ai molti casi di
coronavirus tra i giocatori di Serie A.
    “La proposta iniziale che era stata fatta, un po’ simile a
quella dell’Nba, – ha precisato – prevedeva che i giocatori
vivessero in una bolla settica, cioè che partendo tutti in
condizioni di salute perfette rimanessero in questa condizione
evitando i contatti esterni”. Per questo, “se si va
continuamente cercando contatti esterni, non può che finire che
deve giocare al posto tua la giovanile. Quindi facciano loro una
riflessione”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte