Calcio: ricorso dilettanti Lombardia “stop assemblea Figc”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 11 FEB – Posticipare l’assemblea elettiva
federale della Figc, in cui sono in corsa il numero uno uscente
Gabriele Gravina e quello della Lega nazionale dilettanti Cosimo
Sibilia, in attesa dell’esito del ricorso del Comitato della
Lombardia di Lnd. A chiederlo è Alberto Pasquali, candidato al
comitato regionale lombardo Lnd uscito battuto dall’ex numero
uno federale Carlo Tavecchio, non senza recriminazioni.
    Ritenendo che quell’assemblea presenti “evidenti profili di
nullità in ordine alla procedura elettorale di voto adottata”,
Pasquali, assistito dall’avvocato Guido Valori, ha già
annunciato di voler ricorrere a tutti i gradi di giudizio,
compreso quello al Collegio di Garanzia dello sport presso il
Coni, come ultima istanza. A quello lombardo, si unisce un altro
ricorso, avanzato per lo stesso motivo dal Comitato regionale
Lnd dell’Emilia Romagna: tutti i gradi di giudizio “non
giungeranno prima del 22 febbraio”, data in cui è fissata
l’assemblea elettiva della Federcalcio in cui tutte le
componenti che avranno diritto al voto dovranno essere
rappresentate nella loro piena legittimità delle funzioni. In
merito al ricorso presentato da Pasquali, il Tribunale federale
nazionale della Figc si è già espresso ritenendolo il 5 febbraio
scorso “inammissibile”. Al centro del contenzioso avanzato da
Pasquali, le modalità di voto online con la piattaforma ‘SkyVote’, attraverso alcune presunte irregolarità che
andrebbero dal differente numero delle affiliate aventi diritto
al voto rispetto a quelle che lo avrebbero successivamente
espresso (da 701 si sarebbe passati a 751), fino al ritardo di
circa mezz’ora del termine ultimo di voto per la presidenza
regionale e l’aver concesso l’accreditamento di nuove società
anche durante la votazione in corso. La richiesta di
differimento dell’assemblea elettiva della Figc è stata
inoltrata, tra gli altri, oltre che al numero uno Gabriele a
Gravina, anche al presidente del Coni Giovanni Malagò. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte