Calcio: Pioli, Ibra quando scende in campo è un’ira di Dio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – MILANO, 31 DIC – La rinascita del Milan è merito di
Stefano Pioli che con costanza, lavoro e umiltà, è riuscito a
portarlo in vetta alla Serie A. Il tecnico rossonero, giunto
alla fine di un anno solare oltre le aspettative, racconta in
un’intervista a Sky Sport i segreti del successo rossonero che
passano soprattutto da Zlatan Ibrahimovic. Un primo incontro a
Milanello, in cui Pioli ha capito che lo svedese è “di poche
parole ma intelligente e simpatico” e che quando scende in campo
è “un’ira di Dio”. “Ha sempre la battuta giusta, sa sempre
motivare i compagni nel modo giusto. Poi chiaro che in campo li
sproni con veemenza, ma sa anche parlare con i toni giusti. Sa
capire i momenti”. C’è stato un momento, però, in cui
Ibrahimovic sembrava deciso a lasciare il Milan, perché gli
mancava la famiglia. “Zlatan ho imparato a conoscerlo e ho
capito – racconta Pioli – che ci sono dei momenti in cui va
lasciato solo. Il giorno seguente gli dissi che il nostro lavoro
insieme era appena cominciato e che avevamo fatto tanto, che
aveva dimostrato di essere ancora un campione e che non poteva
finire in quel modo e che sia io sia la società avremmo fatto di
tutto per trattenerlo”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte