Botti:’strage’ uccelli a Roma, centinaia trovati su asfalto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ROMA, 01 GEN – Strage di uccelli nella notte al
centro di Roma. Centinaia di storni sono stati ritrovati a terra
in tutta la zona attorno alla stazione Termini, da via Cavour a
piazza Esedra a via Nazionale. Sul posto la polizia locale. Le
immagini del macabro ritrovamento sono diventate subito virali.
    Si ipotizza che gli uccelli spaventati e disorientati per i
botti di Capodanno si siano schiantati in strada, contro
finestre o finiti contro i cavi dell’alta tensione.
    “La ‘guerra di Capodanno’ è andata in scena anche quest’anno
nonostante il divieto imposto dall’ordinanza della sindaca
Raggi”. Afferma, in una nota, l’Organizzazione internazionale
protezione animali (Oipa). “Ogni anno non facciamo che
ripeterlo: la vendita di petardi e fuochi d’artificio va vietata
e le aziende riconvertite – commenta il presidente dell’Oipa,
Massimo Comparotto – Le ordinanze sono inutili, di fatto i
controlli non esistono e ogni anno contiamo centinaia di
esemplari morti e feriti tra la fauna selvatica e tanti animali
domestici feriti o smarriti a causa dei botti e della
distrazione dei proprietari. È tempo che il legislatore rimedi a
tale scempio che colpisce anche gli umani. È questione di
salute, ordine pubblico e, soprattutto, di civiltà”.
    Daniele Diaco, presidente della Commissione Ambiente di Roma
Capitale ammette: “In pochi hanno rispettato purtroppo
l’ordinanza che vietava l’utilizzo di botti e petardi e questo è
ciò che è accaduto a Roma: centinaia di storni sono morti per la
paura dovuta alla detonazione. Mi auguro che nel tempo aumenti
la consapevolezza che i petardi creano inquinamento ambientale e
provocano un serio shock a tutti gli animali”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte