Bologna, scout dalla tv e niente movida: regole ferree per il Covid

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Casteldebole deserta e smart working totale, ma i calciatori del gruppo squadra sono bravi a rispettare le regole anche nella vita privata.

Il Resto del Carlino illustra la situazione Covid in casa Bologna, club per il momento non toccato nel gruppo squadra (meno male, visti gli infortuni). Le regole per i calciatori sono le stesse e sono rigide: uscire il meno possibile, restringere i contatti al minimo necessario ed evitare ovviamente la movida (cosa più facile ora che alle 18 si chiude tutto). Rigore e responsabilità sono le richieste che il gruppo squadra sta rispettando. La bolla regge.

Per quanto riguarda i dirigenti, tra coloro che non mettono piede a Casteldebole ci sono pure gli scout di Bigon e Sabatini, i quali lavorano a distanza e guardano le partite – anche in Italia – dalla tv e non dal vivo.

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte