Bologna – La crescita non c’è, e si scopre la paura

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

‘Vincere allena a vincere. Purtroppo nel calcio vale anche l’esatto contrario: inanellare sconfitte in serie abitua inconsciamente a considerare come accettabile l’eventualità di uscire a mani vuote da una sfida’, inizia così il Resto del Carlino oggi dopo cinque sconfitte in sette gare per il Bologna di Mihajlovic.

Suona un campanello d’allarme a Casteldebole, anche perché è il peggior avvio di campionato in carriera di Mihajlovic e nel 2019, quando subentrò, cinque sconfitte le raccolse in ben diciassette partite. Insomma, qualcosa è andato storto. Anche il concetto di crescita fino a qui non ha retto, se dopo sei anni di Saputo la classifica disegna un punto in più delle pericolanti Genoa e Torino. Forse era lecito attendersi altro e la zona retrocessione resta, purtroppo, vicina.

<!–

–> <!–

–>


Fonte originale: Leggi ora la fonte