Bologna, «Gran Premio» sulla Bazzanese. Quattrodici punti in meno sulla patente per eccesso di velocità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Volava sulla Bazzanese, facendo stridere le gomme sull’asfalto in curva e aprendo il gas sui rettilinei come se dovesse registrare il miglior tempo su un circuito. Sono stati i carabinieri di Zola Predosa a fermare un trentenne italiano a dir poco spericolato alla guida della sua Porsche, mentre stava utilizzando tutta la potenza del motore per evoluzioni pericolose, che mettevano a rischio l’incolumità sua e degli altri utenti della strada. Numeri che gli costate la sanzione per diverse violazioni. Alla fine la decurtazione sulla patente è stata di 14 punti.

Non un caso isolato

Un caso altrettanto preoccupante ha visto protagonista un ragazzo di 20 anni neopatentato, completamente ubriaco alla guida di un mezzo intestato a un parente. Al punto da parcheggiare l’auto in mezzo alla strada e proprio davanti alla caserma dei carabinieri di Sasso Marconi. Non contento, ha cominciato a urlare per attirare l’attenzione, riuscendo pienamente nel suo intento. Appena i militari lo hanno fatto scendere dal veicolo, la sua alterazione è apparsa chiara, la denuncia per guida in stato d’ebbrezza è arrivata dopo il risultato positivo dell’alcol test, che ha rilevato un tasso quattro volte superiore a quello consentito dalla legge. Non sono purtroppo fenomeni isolati, ma rientrano in una tendenza sempre più preoccupante e che in questi tempi difficili sembra in continuo aumento assieme alle distrazioni e agli incidenti mortali. Solo in questi giorni di ottobre infatti sono quasi 4 mila le violazioni al codice della strada accertate dai carabinieri del comando provinciale di Bologna, per l’esattezza 3.837 gli episodi tra Bologna e il suo territorio provinciale.

26 ottobre 2020 (modifica il 26 ottobre 2020 | 17:19)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte