Bologna, Bulgarelli e Pascutti uniti sul campo e ora nell’eterno riposo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
(Archivio)
(Archivio)

Venerdì torneranno vicini, come lo sono stati in campo. Le ceneri di Giacomo Bulgarelli saranno infatti tumulate vicino a quelle di Ezio Pascutti, con cui militò nelle fila rossoblù. Nel campionato 1963-1964 il loro connubio portò alla vittoria del settimo scudetto del Bologna di Fulvio Bernardini. Bulgarelli, scomparso il 12 febbraio 2009 a 68 anni, venerdì tornerà vicino all’amico Ezio in una cerimonia alla Certosa alla presenza della famiglia e dell’assessore allo Sport Matteo Lepore.


La cerimonia

La cerimonia, limitata a poche presenze in rispetto delle normative anti-Covid, in cui verrà tolto il velo alla tomba della bandiera rossoblù. Scomparso nel 20o9, come prevede la legge, la salma di Giacomo Bulgarelli è stata esumata e i suoi resti collocati in un deposito del cimitero impedendo così a chiunque volesse portagli un fiore di farlo: alla Certosa per due anni non c’è più stata una lapide del campione. Ora la soluzione: la tomba di Bulgarelli con le sue ceneri sarà collocata nel cortile del Cinerario, spazio aperto comunicante con l’area monumentale, dove si trova l’urna con le ceneri di Pascutti, morto a 79 anni il 4 gennaio 2017. Non distante, Renato Dall’Ara.

22 aprile 2021 (modifica il 22 aprile 2021 | 16:50)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale: Leggi ora la fonte